Le cassiere a Vienna


Conosco ormai l’incostanza di tutti i rapporti umani e ho imparato a isolarmi dal freddo e dal caldo in modo da garantirmi comunque un buon equilibrio termico.

(Albert Einstein)


Le cassiere a Vienna sono simili alle cassiere in Germania. Qualcuno mi dirà che sono simili alle cassiere in Francia, o a quelle in Olanda. Sicuramente però non sono simili alle cassiere in Italia. Non dico che ci debba essere per forza un rapporto simbiotico tra cliente e addetta alla cassa, ma almeno guardami mentre pago. Ehiii, mi vedi, sono sempre io, quella che viene a fare la spesa da voi quasi ogni giorno.

È molto probabile che durante la pratica per diventare LA cassiera, abbiano rifilato a queste povere anime un copione da recitare, e va bene. Però, frasi di circostanza a parte, mi chiedo che fine abbia fatto la personalità di quell’involucro che armeggia tra spesa e tasti in uno stato quasi catatonico, come se la mente fosse da un’altra parte. Disegniamo il momento.

Puntualmente arrivo alla cassa e con fredda educazione lei (i lui sono in numero inferiore) mi saluta, il più delle volte senza alzare la testa per guardarmi. Inizia a passare la merce fiondandola dalla parte opposta, io so già che devo riceverla al volo altrimenti perdo il ritmo e sono spacciata. Sorvoliamo sul discorso discount, lì serve una patente da riempi carrello e lavati di torno, ora! Finito di passare la spesa, anche se dietro di me non c’è un’anima e il nastro è vuoto, mi chiede “È tutto?”. No, ho un prosciutto nella tasca e un cetriolo nel c**o. Certo che è tutto, non lo vedi da sola che È TUTTO? Allora preme un tasto, mi farfuglia il totale (il più delle volte devo leggere perché era troppo veloce, non avrei capito nemmeno in italiano), prende i soldi e mi fanculizza senza guardarmi con uno sterile arrivederci. Ogni giorno lo stesso copione. Quando mi capita di incontrare cassiere che mi guardano e mi salutano senza usare frasi standard, so per certo che non sono austriache.

Tempo fa c’era una cassiera nuova nel supermercato sotto casa mia. Ripeteva il copione come una brava scolara, non alzava la testa nemmeno se le tiravi i capelli e le urlavi in faccia. A un certo punto era il turno di un suo collega, aveva fatto la spesa e doveva pagare. Lei lo saluta “Salve”, lancia la merce, chiede “È tutto?” e lo tratta come un perfetto sconosciuto. Ma avete lavorato insieme tutto il giorno, porco mondo assassino (Cit. Mio nonno)! Lui, basito, non ha fiatato. Sinceramente non è una cosa che mi dà particolarmente fastidio, lo prendo come spunto per farmi due grasse risate. Però, santo cielo, come è possibile che esista della gente così quadrata? Anche la storia dello scontrino mi commuove. Qui non è obbligatorio prenderlo, quindi ti chiedono sempre “Lo vuole lo scontrino?”. Rispondono quasi tutti di no, io invece lo prendo sempre. La tipa un giorno me lo chiede, io rispondo di sì e lei lo appallottola e lo butta. Non solo non mi vedi, non mi senti nemmeno! Svegliaaa, lo vogliooo!!! Sono ancora qui, mi percepisci?

Le cassiere a Vienna
Immagine presa da internet

Per bilanciare le cose devo dire che in Italia mi è capitato più di una volta un episodio che mi fa girare le sacre sfere all’impazzata. Il centesimo. Nessuno mi dava come resto il centesimo, arrotondavano in automatico. Una volta l’ho chiesto e la tipa mi ha fulminata. Davvero? Davvero vuoi questo centesimo? Certo che lo voglio, è mio! Non è per la cifra, è una questione di principio. In un caso e nell’altro, il povero cliente sta attraversando un periodo davvero triste. Spendere dei soldi per fare la parte di quello che rompe i coglioni non è proprio il massimo. E voi, con quali cassiere dovete condividere la vostra spesa?

Continue Reading

I rumoristi in metropolitana #vepòssino

Rieccomi! Chissà in quanti avrete detto “Oh ma Il Ragionier Ugo è sparito?”. No, non sono sparita. Il fatto è che da quando vivo a Vienna sono talmente impegnata a vivere, leggere e scrivere il mio romanzo che a volte dimentico di aggiornarvi. Questa città risucchia il tempo, le giornate si rincorrono ad una velocità incredibile. Spesso si ha la sensazione di uscire da casa la mattina con un numerino sulla maglia, per partecipare a una maratona. Però adesso non mi voglio dilungare con le parole, andiamo subito al sodo.

I RUMORISTI IN METROPOLITANA!

Sarà che soffro di misofonia e sono particolarmente intollerante a certi suoni/rumori, ma davvero non

I rumoristi in metropolitana #vepòssino
Immagine presa da internet

capisco la necessità di mangiare sui mezzi pubblici. Insomma, starete sui mezzi sì e no un paio di minuti, non vi potete strafogare dopo? Ma anche se fosse mezz’ora, credo che ormai sia superata la fase in cui urlavate delirando se la mamma non vi dava subito una tetta, per ingozzarvi di latte. Qualche esempio pratico? Certo, ci sono già diversi elementi che hanno ridotto i miei nervi a un cumulo di macerie.

  • Le salutiste mangiatrici di frutta. Mi è capitato più di una volta di incrociarle. Viso quasi sempre pallido, abiti semplici per ostentare la loro armonia con il mondo, capelli indefiniti. E poi c’è lui, lo zainetto pieno di cose naturalissime da mangiare. La prima l’ho incontrata mentre mi trovavo in un ufficio in attesa del mio turno. Arriva, si guarda intorno, legge un paio di avvisi attaccati al muro, si siede senza togliersi lo zaino gigante da dietro la schiena, apre lo zainetto che aveva in mano e cosa tira fuori? Cosa? Eh eh…cosa? Una confezione di mirtilli. Inizia a mangiarli, uno ad uno, piccoli, scuri e tutti da gustare con rumori vari, lingua tra i denti se se ne incastrava un pezzetto e dito da succhiare quando uno di quei pallini maledetti perdeva del liquido appiccicoso. L’agonia è durata almeno cinque minuti perché la confezione era grande e la fenomena doveva gustarseli senza fretta. Io intanto sudavo freddo e non riuscivo a spostare la mia attenzione su una scena meno fastidiosa.
I rumoristi in metropolitana #vepòssino
Immagine presa da internet

La seconda l’ho incrociata in metropolitana. Il treno era stracolmo, sono riuscita ad entrare a stento prima che la porta mi decapitasse, ero lì in piedi schiacciata tra la maniglia e la gente, e chi mi trovo accanto? Chi? Un’altra salutista dei miei ehm ehm…che mangia una caspita di mela! Una mela, alle nove del mattino, quando ancora i miei omini del cervello non hanno fatto colazione e potrei sbranare qualcuno per un ciao detto male. Sgrunch…sgrunch…slurp…arrisgruch. A tre centimetri dal mio orecchio. Non so cosa mi abbia trattenuto dal farle ingoiare la mela per intero. Lo stomaco mi faceva su e giù come quando si sta sulle montagne russe. Un malessere fisico, credetemi.

  • Le bevitrici con risucchio e scafazzamento di bottiglia. Queste riescono ad essere persino più fastidiose delle divoratrici di frutta. Inoltre, piccola parentesi, mentre scrivevo mi sono resa conto che fino ad oggi ho incrociato solo donne con questa passione per i rumori. Gli uomini solitamente mangiano sui mezzi cose che puzzano, così nauseabonde che devi per forza fare il viaggio in apnea, se vuoi sopravvivere. Ma torniamo alle bottiglie. La dinamica è sempre la stessa. La tipa si siede, prende lo zainetto, estrae una bottiglietta di acqua, la apre, beve fino all’ultima goccia e poi inizia a succhiare, creando un vuoto all’interno della bottiglia e strizzandola con le mani come se fosse un reato lasciare un minimo avanzo sul fondo. Ma…ma…è naturale (come la vostra acqua) che a me venga l’istinto di allungare un braccio, aprire la mano, dirigerla verso la vostra fonte di benessere e colpirla, facendola accartocciare sul vostro naso! Vorrei sottolineare che la signora dei mirtilli, dopo i cinque minuti di agonia, ha fatto anche questo, e non solo. Per concludere, con l’ultimo sorso di acqua, ha dato spettacolo con gli sciacquetti per pulire i denti, mancavano solo i gargarismi. Ho poi scoperto che non era un caso isolato.
I rumoristi in metropolitana #vepòssino
Immagine presa da internet

Che dire ragazzi? Sarò abituata male io ma quando sono sui mezzi a stento respiro, proprio per non creare disturbo ai miei vicini. Anche perché, se non siete capaci di trattenere la fame e la sete per un paio di minuti, temo il giorno in cui vi scapperà la cacca sui mezzi. Che facciamo? Ci conteniamo?

 

Continue Reading

Vienna? Una città di passaggio (per molti).


Le innaturali concentrazioni metropolitane non colmano alcun vuoto, anzi lo accentuano. L’uomo che vive in gabbie di cemento, in affollatissime arnie, in asfittiche caserme è un uomo condannato alla solitudine. (Eugenio Montale)


In tanti mi chiedono…”E allora? Cosa ci racconti di Vienna, a parte che è bellissima?”…

Avete ragione, ogni tanto dimentico che la bellezza non basta e che servono altre informazioni a chi sta cercando il posto “perfetto” dove espatriare. Considerate che vivo qui da meno di un anno e che ogni mio parere è del tutto personale e decisamente soggettivo. Però ho avuto modo di osservare, analizzare e scoprire lo stesso alcune dinamiche che spero possano esservi di aiuto nella scelta.

Vienna è una città bellissima! ahahah scherzo…ricominciamo…

Un mio scatto…

Mi avevano detto che, dopo aver trascorso qualche periodo in questa città, l’impressione predominante sarebbe stata che Vienna è una città di passaggio. Non avevo prestato attenzione a questo particolare fino a quando ho avuto anche io la stessa sensazione. Ecco alcuni esempi di chi si trasferisce a Vienna.

  • Studenti. Questa città accoglie ogni anno tantissimi studenti, la maggior parte dei quali andranno via una volta concluso il ciclo di studi.
  • Dirigenti o persone che comunque ricoprono un ruolo importante e hanno accettato un trasferimento, limitato nel tempo.
  • Ragazzi giovani e single che vogliono fare un’esperienza a Vienna per poi tirare i remi in barca e partire per altri lidi e nuove esperienze. Si arrangiano con il lavoro, imparano le lingue viaggiando e non hanno vincoli.

Tolti gli appartenenti a queste tre categorie, sono davvero pochi gli altri. Qualcuno vive a Vienna da 20 anni perché i genitori si sono trasferiti qui e ci sono rimasti, altri hanno messo radici proprio allettati dall’opzione B e dalle condizioni vantaggiose che in Italia non avrebbero trovato. Ma la gente comune? Insomma, le coppie sposate, quelle con uno o due figli, quelle che non svolgono lavori di “prestigio”? Beh, per loro la musica cambia, il walzer spesso stona.

La tipologia di gente che vive a Vienna permette a questa città di mantenere un tenore medio alto ma questo comporta un aumento spropositato dei prezzi. Trovare una casa per esempio sta diventando quasi utopia, i costi si impennano, le referenze richieste diventano sempre più presuntuose e il comune mortale stenta a correre cercando di non rimanere indietro. Non c’è una cosa che costa poco (domanda che mi fate spesso)…costa tutto, tutto tanto, tanto troppo se siete tra quelli che arrancano per arrivare a fine mese. Vienna è una meravigliosa città ritagliata su misura per chi non deve contare pidocchi.

Un mio scatto…

Perché scrivo questo? Perché, come ho già detto, vorrei rispondere alle vostre numerose domande e dire che no, non è la città che fa per voi se non avete tra le mani un mestiere che sia alla sua altezza. In tanti mi chiedono se la Germania offra più possibilità. Certo che sì. Patirete maggiormente dal punto di vista umano e si sa, i tedeschi non brillano in simpatia né trasudano empatia, ma ci sono molte più fabbriche e molte più possibilità di inserimento. Se invece avete soldi da investire per aprire un’attività potrebbe essere il posto giusto, anche se la concorrenza è tanta in ogni settore. E poi c’è la ristorazione italiana…chiuso discorso…

 

Continue Reading

La scala mobile a Vienna

Rieccomi!!! Scusate la breve assenza dal blog ma questa città è talmente viva che mi risucchia. Il tempo qui sembra non bastare mai, la noia non abita da queste parti e l’entusiasmo aumenta con il passare dei giorni. Insomma, se non avete ancora capito, io amo Vienna.

Stamattina ero in metropolitana (U-Bahn per chi volesse puntualizzare il nome in tedesco) e mentre mi trovavo sulla scala mobile ho pensato a voi, molti dei quali ignari dei retroscena che si annidano in quei pochi metri di gradini in movimento. Funziona bene o male così. I più svegli se la cavano discretamente, per quanto riguarda i dormienti perpetui invece proporrei una sorta di patentino, da prendere frequentando un corso di almeno un mese, un’ora al giorno con modalità su e giù dalla scala mobile.

Immagine presa da internet.
Immagine presa da internet.

Innanzitutto dovete sapere che bisogna mantenere la destra. Provate a mettervi sul lato sinistro e avrete in 3…2…1…qualcuno che, bussandovi alle spalle, vi guarderà con gli occhi che urlano “Te voi levààà”. I meno fortunati invece saranno travolti con nonchalance e la parola “scusa” non verrà mai pronunciata. Mia figlia fatica a capire per quale motivo, se ci sono anche le scale normali, la gente deve prendere le scale mobili iniziando a correre. Il motivo è sicuramente questo, cioè che un corpo in movimento su una scala in movimento va più veloce. Insomma, la frenesia che si annida nelle grandi città. Voi cosa ne pensate? Per quanto mi riguarda, preferisco uscire da casa in orario per potermi concedere il lusso di fare il mio giro sulla scala mobile senza stress.

Certo, a volte è complicato anche riuscire a prendere quella benedetta scala. Nella stazione di Karlsplatz per esempio, snodo importante e sempre affollato, l’ansia da prestazione inizia già sul treno, mentre si sta per arrivare alla fermata. La gente si avvicina alle porte, vengono lanciati sguardi di sfida, il pulsante per l’apertura già premuto, onde evitare di perdere mezzo secondo. La galleria buia lascia spazio alla luce, il convoglio rallenta, si ferma, un bip, le porte si aprono e … escono tutti contemporaneamente, mentre i geni fuori, in attesa di entrare,  non capiscono che devono prima fare uscire quelli dentro. E così, per qualche secondo, si forma una matassa umana. Borse incastrate, monopattino sul piede della vecchietta, bicicletta sullo stinco di un signore, capelli tirati o infilati nella bocca di quello basso dietro e gomitate nello stomaco. Fortunatamente, come per magia, dopo qualche secondo la matassa si sbroglia e tutti, sempre insieme appassionatamente, si dirigono correndo verso l’imbocco della scala mobile.

Hai perso tua figlia? Non vedi più tuo marito dietro di te? Del cane ti è rimasto in mano solo il guinzaglio? Non importa, N O N  T I  F E R M A R E!!! Lascia che la folla ti trascini (se ti fermi ti travolgono, ed è peggio), anche se non sentirai più il suolo sotto i piedi fa niente, metti le braccia a cucchiaio e, di persona in persona, ti ritroverai finalmente sulla scala. Mi raccomando…mantieni la destra!!!

Immagine presa da internet.
Immagine presa da internet.

Un’infamata grande quanto una casa va invece a tutti i turisti che non si rendono conto di una cosa, apparentemente semplice da capire ma di difficile assimilazione…a Vienna non siamo tutti turisti! Capisco la voglia di cazzeggio elevata all’ennesima potenza ma, gentilmente, potreste evitare di camminare in fila per dieci, col resto di due…in orizzontale? Sembra la versione senza ruote dei ciclisti che, quando abitavo a Catania, mi obbligavano ad andare con l’auto a 20 km/h perché loro dovevano occupare l’intera corsia per chiacchierare.

Concludo dedicando invece un pensiero agli impavidi che, nonostante la scala mobile, preferiscono prendere quella normale. Se non ce la fate, andate ad agonizzare sul lato dentro, così gli altri possono passare! 🙂

Per oggi è tutto, tornerò presto a raccontarvi di noi, di Vienna e delle sue infinite sfumature!

Immagine presa da internet.
Immagine presa da internet.

 

Continue Reading

Se l’Italia fosse Vienna

Rieccomi. Mi sembra arrivato il momento di fare un piccolo punto della situazione. Lo faccio a modo mio, immaginando per un attimo che l’Italia sia Vienna.

Se l’Italia fosse Vienna i ragazzi non avrebbero bisogno di espatriare per necessità. Qualcuno lo farebbe per il puro piacere di viaggiare e vivere altrove, ma sarebbero pochi casi e non la regola, come lo è adesso.

Se l’Italia fosse Vienna la gente avrebbe quasi sempre una propria identità, non vivrebbe ficcando il naso nella vita del prossimo perché la sua sarebbe satura di impegni e la filosofia del Vivi e lascia vivere prenderebbe il sopravvento.

Nationalbibliothek Wien
Nationalbibliothek Wien

Se l’Italia fosse Vienna la gente eviterebbe di infrangere le regole perché le punizioni sono direttamente proporzionali alla libertà di scelta che questa città offre. Puoi essere chi vuoi, fare ciò che vuoi, ma se sbagli ti castigano pesantemente.

Se l’Italia fosse Vienna i genitori non avrebbero l’incubo dei libri di testo e dell’infinita lista di cose (spesso inutili) da comprare. La scuola stessa provvederebbe a fornire tutto l’occorrente (alla mia hanno dato anche i quaderni) e con una piccola spesa si acquisterebbe il materiale mancante.

Se l’Italia fosse Vienna il biglietto per entrare nelle strutture balneari (non c’è il mare ma le piscine e il Danubio sì) costerebbe 4,30 € per gli adulti e 1,80 € per i bambini e ragazzi. Quindi una famiglia di tre persone spenderebbe una decina di euro e non trenta (se va bene). In caso di abbonamento stagionale, il prezzo diventa davvero irrisorio!

Seestadt (Vienna)
Seestadt (Vienna)

Se l’Italia fosse Vienna potremmo vivere senza auto perché i mezzi di trasporto funzionerebbero benissimo.

Se l’Italia fosse Vienna non avremmo paura per il futuro dei nostri figli perché il problema non si pone, il lavoro c’è e per chi cresce in loco è tutto molto semplice.

Se l’Italia fosse Vienna la mente delle persone sarebbe piena di idee e cose da progettare, perché nell’aria si respirerebbe la netta sensazione di avere infinite possibilità, dipenderebbe solo da noi.

Immagino già i punti di forza che alcuni elargiranno, rispondo a priori.

Abbiamo il buon cibo? Ok è vero, ma posso aspettare le vacanze per abbuffarmi con pesce e arancini.

Il clima fa schifo? L’estate in realtà è stata più bella qui che in Italia.

Augarten (Vienna)
Augarten (Vienna)

La famiglia è lontana? Abbiamo un rapporto migliore quando siamo distanti.

Gli austriaci sono freddi? Prima andrebbero trovati gli austriaci, questa città è una meravigliosa esplosione di culture e colori, quindi la parola freddo non è concepita. Vorrei anche dire che spesso nemmeno noi italiani all’estero brilliamo per apertura mentale, umana e simpatia.

E’ difficile trovare una vera amicizia? Ma smettiamola di prenderci in giro. L’ultima volta che siamo riusciti a creare un legame sincero di amicizia avevamo ancora i brufoli in viso e l’apparecchio ai denti! Inoltre, il più delle volte, quegli stessi “amici” svaniscono nel momento di vera necessità.

Eh ma in Italia avete arte e cultura! Non avete idea di quanta se ne respiri qui a Vienna!

Certo, se l’Italia fosse Vienna non ci sarebbero gli italiani all’estero che So tutto io o gli italiani in Italia che Posso farlo anche io, meglio di te…ma non fanno mai una mazza. Sfortunatamente l’Italia non è Vienna e fortunatamente Vienna non è l’Italia!

E per la milionesima volta vorrei rispondere alla domanda del secolo. E’ necessario conoscere il tedesco? La risposta è, senza ombra di dubbio, !!! Lo è nella stessa maniera in cui è necessario conoscere l’italiano in Italia (già sarebbe una conquista)… 🙂

Me

 

 

Continue Reading

Foresta incantevole a due passi da Vienna

In Germania vivevamo in un paese di tremila anime in mezzo alla foresta, bastava mettere un piede fuori dalla porta di casa per ritrovarsi immersi nella natura. Logicamente qui è un po’ diverso e, nonostante la città sia piena di parchi, non è esattamente la stessa cosa. La bellezza di Vienna però è proprio questa; anche se si vive in una metropoli è sufficiente decentrarsi di poco per ritrovarsi davanti agli occhi gli stessi scenari meravigliosi che abbiamo lasciato nella Renania Settentrionale.

In preda alla voglia matta di fare due passi nella foresta, ho chiesto ad una mia amica che strada avremmo dovuto percorrere. Seguendo le sue indicazioni abbiamo impiegato poco più di mezz’ora per raggiungere il posto prescelto.

Raggiungere con la linea U4 (verde) la fermata Heiligenstadt: Fatto!

Uscire dalla metro e prendere il Bus A38 fino a Cobenzl: Fatto!

Le attese per prendere i vari mezzi sono davvero minime.

Arrivati a destinazione abbiamo trovato verde a 360 gradi, la natura era presente in ogni sua forma, predominante e bellissima! Turisti, famiglie austriache, anche tantissimi anziani erano lì a camminare e godere di quella meravigliosa giornata di sole. Un cartello, posizionato all’inizio del sentiero, descriveva le varie specie di animali che abitano in questa foresta, alla visione del serpente il babbo impavido ha avuto un’esitazione e ha proposto di tornare indietro! Ovviamente se lo poteva scordare! 😉 Ecco uno dei vari cartelli…

cartello

alberoDurante il cammino abbiamo notato che gli alberi eranoTata e babbo spesso segnati con dei colori, inizialmente non capivamo il perché, la spiegazione è arrivata poco dopo. La parte iniziale del sentiero non era molto ripida e la piacevolezza della passeggiata non comportava  fatica.

Dopo circa trenta minuti siamo giunti a un bivio. Di fronte a noi, messo lì a dividere due strade da poter prendere, c’era un crocifisso in legno con una grande spiga adagiata alla base. Un signore, quando ha visto che stavo scattando una foto, si è gentilmente avvicinato per dirmi che è nuovo, è stato messo lì da poco.

crocifisso

A sinistra invece c’era un bel tavolino in legno con due panche, ottimo per riposare qualche minuto o per fermarsi a mangiare un panino al volo. A proposito, logicamente la Miky ha esordito dicendo: “Mangiamo qui?”…proposta subito bocciata…eravamo appena partiti!

Sosta

Le direzione nei vari cartelli sono contraddistinte da colori diversi. Giallo, rosso, blu. A quel punto abbiamo iniziato a intuire…non è che il giallo sta per percorso semplice, il rosso meno semplice e il blu difficile? Proviamo il blu dai!!!

indicazioni

E così, colti da una vena avventuristica, abbiamo realizzato poco dopo che sì, avevamo ben intuito, il sentiero blu era il più impervio! Tutto in salita, niente panche per adagiare qualche secondo i glutei, solo noi e la natura. Anche i segni sugli alberi cambiavano colore in base al sentiero percorso. Durante il cammino le indicazioni per le varie uscite erano sempre presenti (15 minuti per…25 minuti per…avessimo saputo cosa indicavano quei nomi saremmo stati a cavallo), niente in quel tratto di foresta è lasciato al caso, tutto è strutturato in maniera tale che perdersi è impossibile.

Improvvisamente, un po’ come nella camminata di Gesù nel deserto, il diavolo ci ha tentati con un punto ristoro che emanava un insostenibile profumo di carne alla brace. “No, dobbiamo procedere!” abbiamo detto, trascinando via la Miky che si immaginava già con una coscia di pollo in mano e un bicchiere di coca nell’altra. Mentre annaspavo per convincere le mie gambe a percorrere una ripida salita ho incrociato diverse coppie di anziani che scendevano…è stata una botta d’orgoglio a farmi raggiungere la meta…Loro sì ed io no? Da escludere!!! Il babbo invece procedeva spedito senza accennare un lamento, preceduto dalla Miky che stupiva per il suo passo stranamente veloce. Dov’era finito il suo spirito da bradipo? In realtà c’era un perché…prima si arrivava alla meta, prima avrebbe mangiato. Ricordava tanto la storia  dell’asino con la carota! Ha anche rischiato di farsi male scivolando per la furia!

sport

Finalmente, dopo tanto camminare, una panchina all’orizzonte! Ci siamo seduti, abbiamo mangiato il nostro panino (il babbo ha anche avuto un inaspettato slancio atletico – vedi foto) e ci siamo diretti presso un Cafè che si trovava a pochi metri dal nostro punto di sosta. Un piccolo localino con all’interno una sala con caminetto e un angolo dedicato alla vendita di souvenir (prettamente ecclesiastici) e all’esterno tanti tavolini e panche in legno. Fuori c’era ancora il sole, abbiamo quindi deciso di fermarci lì un’oretta. Dolcino, gelato, caffè e totale relax. Niente cellulari in mano, solo la macchina fotografica per immortalare quegli attimi. Quell’area comprende vari edifici dove credo vengano organizzate diverse attività, vacanze comprese.

Pausa dolce

Avevo visto, poco prima di arrivare lì, un manifesto che segnalava la presenza di una chiesetta immersa nel verde (ecco spiegati i souvenir). Non sono credente, ma certi posti meritano comunque di essere visti. Finita la pausa abbiamo superato il locale, imboccato una stradina in salita dove alcuni bambini urlanti giocavano e, un paio di minuti dopo, appariva davanti ai nostri occhi in tutta la sua modestia una piccola cappella in mezzo al verde. Negli alberi che circondavano la struttura sono attaccate le foto di gente che non c’è più ma che, in un modo o in un altro, ha avuto un ruolo importante nella vita di quella chiesetta anni e anni or sono.

chiesetta

All’interno tre suore in abito grigio si sono inginocchiate per pregare, un paio di signore erano intente ad accendere delle candele mentre un piccolo gruppo di turisti godeva di quell’atmosfera in rispettoso silenzio.

cappella

Prendere il bus al ritorno è stato semplice perché, a prescindere dal punto in cui ti trovi, basta imboccare un sentiero che porta sulla strada per trovare una fermata. Non si è quindi costretti a ripercorrere a piedi gli “ottantamilaeottocentoottantotto” chilometri percorsi all’andata. Se il fisico ti abbandona o la voglia decide improvvisamente di andare in ferie, basta prendere il bus.

bus

Tirando le somme di questa giornata all’insegna della natura, posso dire che ne è valsa la pena. Vienna offre la possibilità di cambiare scenario ogni volta che se ne sente la necessità, spesso è possibile farlo quasi a costo zero. Adesso attendo impaziente l’arrivo delle prime nevi per ammirare i paesaggi bianchi e respirare l’aria fredda che sa di pulito. Intanto, se la bella stagione non andrà via troppo presto, ne approfitterò per fare ancora qualche camminata tra gli alberi nella bellissima foresta viennese. 🙂

Continue Reading

Vienna by night #nonhocapito

Sabato sera io e il babbo siamo andati in un pub vicino casa per bere qualcosa. Ambiente piccolo, gente di varia tipologia (tra cui nerd ed emo) con in mano sigarette, cannoni, birra e cocktail. I tavolini sono vecchi e le sedie sgarrupate, alcune in pelle (strappata) da ufficio, penso che risalgano al primo dopoguerra.

Incuriositi da un ambiente tanto variopinto ci siamo seduti, io ho preso una birra, il babbo un Gin Lemon. Molti erano in piedi, direzione schermo e console dj, aspettando l’inizio di qualcosa. Pochi minuti dopo parte quel qualcosa…ma…che cosa era? Non abbiamo ben capito.

Omino

Il dj ha “allietato” il locale con una strana musica elettronica ripetitiva e decisamente monotona, mentre nello schermo veniva proiettato una specie di fantasmino (sembrava Casper) che oscillava lentamente fissando la sala, a volte andava in primo piano il viso, a volte si vedeva per intero. Almeno un’ora così…la gente era in brodo di giuggiole, si muoveva con un robotico oscillare delle spalle e regalava applausi tra un brano (noioso) e l’altro (quasi identico al precedente) mentre Casper continuava a rimanere fisso nello schermo…quasi immobile.

Durante la visione di questo “non so cosa” un emo ha rovesciato con la sua borsetta un bicchiere che stava sul tavolo, e mi ha lavato i piedi. Quando l’ho avvisato della catastrofe che aveva combinato, mi ha fissata con lo sguardo da pesce morto una settimana prima e si è messo a sedere, guardando un punto nel vuoto, con un alone di depressione che non mi ha coinvolta solo perché ero in vena di far festa!

Tutto sommato mi sono divertita, anche se siamo tornati a casa bagnati perché pioveva e non avevamo l’ombrello. Se qualcuno di voi conoscesse per puro caso le dinamiche di queste musiche associate a immagini paranormali…che si faccia avanti con la spiegazione!!! 😉

Omino1

Continue Reading

Ci sono i cani austriaci…e poi c’è Totò!

PazzoVienna è una città piena di cani, le persone sono particolarmente affettuose nei confronti dei “bimbi pelosi” e non risparmiano coccole e bacini. Bene direte…per te che hai un cane è un’ottima cosa! Ehm ehm…sarebbe un’ottima cosa, se solo io avessi un cane “normale”.

I pelosetti austriaci sono educatissimi, non abbaiano, non hanno bisogno del guinzaglio perché seguono il padrone come un’ombra, cagano con discrezione e la loro presenza nei condominii è silenziosissima.

Totò no, Totò deve abbaiare a tutto e a tutti, deve far sentire che sta passando, ma qui non sono abituati a certe esternazioni e lo temono, fuggono, lo guardano come fosse un alieno tra la gente. Totò non caga con discrezione, deve produrre quantità di merda pari a quelle di un cavallo e fiumate di pipì da espellere come se non dovesse esserci un domani.

Oggi però è l’ultima volta che lo porto fuori io, da stasera sarà compito del babbo provvedere alle sue uscite. Perché? Ecco il motivo.

Merda

Stamani porto fuori cane pazzo come ogni mattina e come ogni mattina abbaia a tutti con la furia di un lupo. Cerco di tenerlo fermo e nella foga esplode il sacchettino che avevo in mano, quello con il quale avevo appena raccolto la tonnellata di crema marrone fumante. Merda ovunque…una puzza asfissiante e i miei pantaloni maculati…e pure cane pazzo!!! Il babbo dice che ultimamente ho Saturno contro…può essere ma al momento lancerei Totò con una fionda su Marte!!!

Ditemi che anche voi avete un cane pazzo, bitte…

Cane pazzo

Continue Reading

Ritorno alla civiltà #Vienna

Civiltà, questa strana sconosciuta!

Chi ci segue da tempo lo sa, per i nuovi arrivati faccio un brevissimo sunto. Dopo due anni di Germania e un rientro (voluto) in Italia, abbiamo deciso di riespatriare, destinazione scelta…Vienna. All’interno del blog potete trovare le motivazioni che ci hanno spinti a prendere questa decisione. A quanto pare abbiamo fatto bene, perché è stato un ritorno alla civiltà.

Il babbo è stato il primo a partire, è arrivato a destinazione ieri. Vi riporto le sue prime impressioni. In realtà ha iniziato a notare un netto cambiamento già durante il viaggio.

Questa volta non ha preso l’aereo, ma il treno, ha preferito non viaggiare per aria. Intorno alle 23.00 il convoglio che lo avrebbe portato fino a Roma è partito (in ritardo) dalla stazione centrale di Catania. Dalla banchina l’ho visto salire in carrozza e rimanere bloccato nel corridoio, le cuccette erano già aperte, la scala impediva l’accesso al finestrino (niente saluti con lacrime quindi) e un signore stava cercando di posizionare in alto la sua valigia. Dopo 15 minuti dalla partenza ricevo la prima telefonata dal babbo, aveva dovuto cedere il suo posto in alto a un signore che voleva dormire in basso, fin qui nessun problema. Verso mezzanotte però mi arriva sul cellulare questa foto…

Ritorno alla civiltà #Vienna
Involuzione dell’essere umano

I signori che dormivano in cuccetta con lui, napoletani che avevano preso il treno a Siracusa, non erano esattamente un esempio di evoluzione umana…anzi. Uno dei tre si è limitato a dire, in un dialetto biascicato, “Dormiamo”. Si è completamente spogliato, ha messo via i vestiti ed è rimasto così, con i pelacci in bella esposizione e nemmeno il buongusto di coprire quella flaccida pellaccia con il lenzuolo. I miei genitori mi hanno insegnato che, quando si è in mezzo alla gente, non ci si può comportare come quando si è soli a casa. E’ l’ABC dell’educazione, delle buone maniere, del saper stare al mondo senza creare disagio a chi ci sta accanto.

Come se non bastasse il nudo quasi integrale, il disinibito essere ha iniziato ad arieggiare lì, dove non batte il sole. Puzza e sgomento, sgomento e puzza. Un tormento che si è concluso in Campania, quando i tre reperti storici sono finalmente scesi dal treno, per tornare nella propria caverna. La prima tappa del viaggio era Roma, il babbo avrebbe dovuto attendere una giornata, aspettando la coincidenza serale per Vienna. Quale miglior occasione per incontrare Alessia, cara amica e brillante blogger di Gnoseologia della moda. Pranzo veloce insieme e foto di rito per il blog, eccola.

Ritorno alla civiltà #Vienna
Ale e il Babbo

Il bello dei nostri incontri è che non sappiamo mai dove avverrà il prossimo!

Dopo l’incontro con Ale il babbo ha proseguito il suo giretto da turista a spasso per Roma. Verso le 17.00 però è rientrato in stazione, per recuperare le valigie che aveva lasciato nel deposito bagagli (10 euro a pezzo, che sia valigia o borsa). Impresa che non è risultata semplice, perché il meccanismo che recuperava le valigie in base alla ricevuta si era rotto, scatenando il panico e l’ira delle persone, molte delle quali avevano fretta e il terrore di perdere il treno. Un turista tedesco non riusciva a capire cosa gli stesse dicendo l’uomo allo sportello, che provava a comunicare in inglese “Dovete scendere voi sotto e cercare tra i bagagli il vostro”. Fortunatamente il babbo parla tedesco, quindi ha spiegato lui al malcapitato quale fosse il problema, lo ha condotto fino al deposito, facendogli recuperare la valigia. Immagino che situazioni come questa siano la gioia dei ladri, un disonesto avrebbe potuto prelevare qualsiasi bagaglio fingendo di riconoscerlo come proprio.

Finalmente il babbo riesce a raggiungere il treno, eccolo.

Ritorno alla civiltà #Vienna

Molte delle persone a bordo erano straniere, quasi tutte parlavano in tedesco. Sembrava di essere approdati su un altro pianeta. Ordine, parole sussurrate, compostezza. Man mano che il treno percorreva la sua strada, i finestrini mostravano scenari sempre più ordinati, puliti. La sensazione di degrado urbano lasciava il posto ad altre sensazioni, una tra tutte la sensazione di conforto, come se i luoghi fossero così ordinati da volerti abbracciare. “Sembra di essere di nuovo in Germania” ha detto il babbo. “Ho capito subito di essere tornato in un posto giusto” ha aggiunto. E’ una sensazione che difficilmente si può descrivere se non la si è provata. Bisogna vivere all’estero per capire lo sgomento e il caos mentale che si provano rientrando in Italia. Non parliamo poi di chi, come noi, è rientrato in meridione. Tra nord Italia e Sicilia c’è già una differenza abissale, sembra che i due luoghi appartengano a dimensioni distanti tra loro anni luce. Figuratevi rispetto alla Germania o all’Austria.

La prima impressione riguardo Vienna è stata di meraviglia. “Non so da che parte guardare per quanto è bella” dice il babbo. Una città grande ma ordinatissima. Tanti abitanti ma silenziosa. Maestosa ma a misura d’uomo. Pulita! Possiamo dire per ora che è stato amore a prima vista. Ecco delle foto, scattate il giorno dell’arrivo.

Ritorno alla civiltà #Vienna

Ritorno alla civiltà #Vienna

Ritorno alla civiltà #Vienna

Per ora è tutto, vi terrò aggiornati! Roberta

Continue Reading