#Diariodibordo-Le strade come specchio della Sicilia di oggi.

Catania 02.11.2015 h14.40

Dopo due giorni di pioggia incessante sembra che la situazione stia migliorando. In quattro mesi di permanenza in Sicilia non è la prima volta che assisto a scene apocalittiche. Non serve aspettare molto perché, dopo la prima mezz’ora, le strade si trasformano in torrenti in piena.

I muri si sgretolano, gli alberi cadono, i corsi d’acqua straripano, le strade cedono e si creano voragini profonde metri, dove finiscono auto e, quando va male, persone.

Immagine presa da internet
Immagine presa da internet

Questo lento e inesorabile sgretolarsi del territorio siciliano rispecchia a mio avviso il lento sgretolarsi di una società che sta raccogliendo i frutti del proprio malcostume. Tutti additano tutti, senza rendersi conto che ciascuno di loro contribuisce a questo declino, con azioni degne del peggior cittadino privo di qualsiasi barlume di senso civico.

Amo questo terra, inizio ad amare meno i suoi abitanti.

Sentimenti attuali: speranza fievole, amarezza, delusione.

Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*