Foresta incantevole a due passi da Vienna

In Germania vivevamo in un paese di tremila anime in mezzo alla foresta, bastava mettere un piede fuori dalla porta di casa per ritrovarsi immersi nella natura. Logicamente qui è un po’ diverso e, nonostante la città sia piena di parchi, non è esattamente la stessa cosa. La bellezza di Vienna però è proprio questa; anche se si vive in una metropoli è sufficiente decentrarsi di poco per ritrovarsi davanti agli occhi gli stessi scenari meravigliosi che abbiamo lasciato nella Renania Settentrionale.

In preda alla voglia matta di fare due passi nella foresta, ho chiesto ad una mia amica che strada avremmo dovuto percorrere. Seguendo le sue indicazioni abbiamo impiegato poco più di mezz’ora per raggiungere il posto prescelto.

Raggiungere con la linea U4 (verde) la fermata Heiligenstadt: Fatto!

Uscire dalla metro e prendere il Bus A38 fino a Cobenzl: Fatto!

Le attese per prendere i vari mezzi sono davvero minime.

Arrivati a destinazione abbiamo trovato verde a 360 gradi, la natura era presente in ogni sua forma, predominante e bellissima! Turisti, famiglie austriache, anche tantissimi anziani erano lì a camminare e godere di quella meravigliosa giornata di sole. Un cartello, posizionato all’inizio del sentiero, descriveva le varie specie di animali che abitano in questa foresta, alla visione del serpente il babbo impavido ha avuto un’esitazione e ha proposto di tornare indietro! Ovviamente se lo poteva scordare! 😉 Ecco uno dei vari cartelli…

cartello

alberoDurante il cammino abbiamo notato che gli alberi eranoTata e babbo spesso segnati con dei colori, inizialmente non capivamo il perché, la spiegazione è arrivata poco dopo. La parte iniziale del sentiero non era molto ripida e la piacevolezza della passeggiata non comportava  fatica.

Dopo circa trenta minuti siamo giunti a un bivio. Di fronte a noi, messo lì a dividere due strade da poter prendere, c’era un crocifisso in legno con una grande spiga adagiata alla base. Un signore, quando ha visto che stavo scattando una foto, si è gentilmente avvicinato per dirmi che è nuovo, è stato messo lì da poco.

crocifisso

A sinistra invece c’era un bel tavolino in legno con due panche, ottimo per riposare qualche minuto o per fermarsi a mangiare un panino al volo. A proposito, logicamente la Miky ha esordito dicendo: “Mangiamo qui?”…proposta subito bocciata…eravamo appena partiti!

Sosta

Le direzione nei vari cartelli sono contraddistinte da colori diversi. Giallo, rosso, blu. A quel punto abbiamo iniziato a intuire…non è che il giallo sta per percorso semplice, il rosso meno semplice e il blu difficile? Proviamo il blu dai!!!

indicazioni

E così, colti da una vena avventuristica, abbiamo realizzato poco dopo che sì, avevamo ben intuito, il sentiero blu era il più impervio! Tutto in salita, niente panche per adagiare qualche secondo i glutei, solo noi e la natura. Anche i segni sugli alberi cambiavano colore in base al sentiero percorso. Durante il cammino le indicazioni per le varie uscite erano sempre presenti (15 minuti per…25 minuti per…avessimo saputo cosa indicavano quei nomi saremmo stati a cavallo), niente in quel tratto di foresta è lasciato al caso, tutto è strutturato in maniera tale che perdersi è impossibile.

Improvvisamente, un po’ come nella camminata di Gesù nel deserto, il diavolo ci ha tentati con un punto ristoro che emanava un insostenibile profumo di carne alla brace. “No, dobbiamo procedere!” abbiamo detto, trascinando via la Miky che si immaginava già con una coscia di pollo in mano e un bicchiere di coca nell’altra. Mentre annaspavo per convincere le mie gambe a percorrere una ripida salita ho incrociato diverse coppie di anziani che scendevano…è stata una botta d’orgoglio a farmi raggiungere la meta…Loro sì ed io no? Da escludere!!! Il babbo invece procedeva spedito senza accennare un lamento, preceduto dalla Miky che stupiva per il suo passo stranamente veloce. Dov’era finito il suo spirito da bradipo? In realtà c’era un perché…prima si arrivava alla meta, prima avrebbe mangiato. Ricordava tanto la storia  dell’asino con la carota! Ha anche rischiato di farsi male scivolando per la furia!

sport

Finalmente, dopo tanto camminare, una panchina all’orizzonte! Ci siamo seduti, abbiamo mangiato il nostro panino (il babbo ha anche avuto un inaspettato slancio atletico – vedi foto) e ci siamo diretti presso un Cafè che si trovava a pochi metri dal nostro punto di sosta. Un piccolo localino con all’interno una sala con caminetto e un angolo dedicato alla vendita di souvenir (prettamente ecclesiastici) e all’esterno tanti tavolini e panche in legno. Fuori c’era ancora il sole, abbiamo quindi deciso di fermarci lì un’oretta. Dolcino, gelato, caffè e totale relax. Niente cellulari in mano, solo la macchina fotografica per immortalare quegli attimi. Quell’area comprende vari edifici dove credo vengano organizzate diverse attività, vacanze comprese.

Pausa dolce

Avevo visto, poco prima di arrivare lì, un manifesto che segnalava la presenza di una chiesetta immersa nel verde (ecco spiegati i souvenir). Non sono credente, ma certi posti meritano comunque di essere visti. Finita la pausa abbiamo superato il locale, imboccato una stradina in salita dove alcuni bambini urlanti giocavano e, un paio di minuti dopo, appariva davanti ai nostri occhi in tutta la sua modestia una piccola cappella in mezzo al verde. Negli alberi che circondavano la struttura sono attaccate le foto di gente che non c’è più ma che, in un modo o in un altro, ha avuto un ruolo importante nella vita di quella chiesetta anni e anni or sono.

chiesetta

All’interno tre suore in abito grigio si sono inginocchiate per pregare, un paio di signore erano intente ad accendere delle candele mentre un piccolo gruppo di turisti godeva di quell’atmosfera in rispettoso silenzio.

cappella

Prendere il bus al ritorno è stato semplice perché, a prescindere dal punto in cui ti trovi, basta imboccare un sentiero che porta sulla strada per trovare una fermata. Non si è quindi costretti a ripercorrere a piedi gli “ottantamilaeottocentoottantotto” chilometri percorsi all’andata. Se il fisico ti abbandona o la voglia decide improvvisamente di andare in ferie, basta prendere il bus.

bus

Tirando le somme di questa giornata all’insegna della natura, posso dire che ne è valsa la pena. Vienna offre la possibilità di cambiare scenario ogni volta che se ne sente la necessità, spesso è possibile farlo quasi a costo zero. Adesso attendo impaziente l’arrivo delle prime nevi per ammirare i paesaggi bianchi e respirare l’aria fredda che sa di pulito. Intanto, se la bella stagione non andrà via troppo presto, ne approfitterò per fare ancora qualche camminata tra gli alberi nella bellissima foresta viennese. 🙂

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*