Le difficoltà ci sono ovunque ma è come si reagisce a queste che fa la differenza! #Silvia #Olanda #Germania

Oggi vi propongo la storia di Silvia, che da Amsterdam sta per trasferirsi in Germania. Una simpatica e solare estetista tra i mulini, una donna che con tenacia affronta l’espatrio e i continui cambiamenti che ne seguono. Le auguro buona fortuna per tutto! Roberta


Chi viaggia ha scelto come mestiere quello del vento. (Fabrizio Caramagna)


Ciao Silvia (per tutti Kami), raccontaci un po’ chi sei e da dove nasce il nome Kami.

Ciao Roberta, il nome Kami è semplicemente un nickname che ho scelto con mia sorella, lei da sempre utilizza in nome Kiki e dato che abbiamo un blog (Kitchen Konfusion con relativa pagina Fb) insieme abbiamo cercato un nome simile al suo.

Attualmente vivi ad Amsterdam, cosa ti ha portata in Olanda?

amsterdam

Sì, vivo in Olanda da quasi cinque anni… Chi mi ha portato qui? Il mio compagno o meglio il suo lavoro.

Quali sono le sostanziali differenze che hai riscontrato tra Olanda e Italia?

Ovviamente il discorso sarebbe molto lungo, quindi inizio a dirti solo le cose che saltano all’occhio di chiunque venga anche solo per una vacanza. L’Olanda è più pulita e curata, gli olandesi rispettano molto gli spazi comuni. Ci sono poche regole (ma rispettate) e poca burocrazia. Il costo della vita è alto (affitti sono folli). La sanità è privata e in generale la salute è gestita in maniera molto differente. Per finire, cibo e clima sono la parte peggiore, come tutti possono immaginare, ma si ci si abitua a tutto.

La lingua è stata un problema?

L’olandese non è per nulla semplice e sinceramente il corso che ho fatto il primo anno mi ha aiutata, ma posso ancora dirti che non saprei reggere un discorso, anche se ora capisco molte cose. Per fortuna qui parlano tutti l’inglese e questo rende le cose più semplici. Non che io sia un mostro in inglese (per farti capire i bambini lo parlano meglio di me! Nascono che parlano perfettamente l’inglese!)

Che rapporti hai con la gente del posto?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Gli olandesi mi piacciono. Sono “presi bene”, non scocciano il prossimo, sono sempre sereni e festaioli ma nello stesso tempo rispettosi e non invadenti. I vicini sono sempre disponibili ma mai indiscreti e devo dire di aver trovato anche delle persone molto gentili. Hanno una strana simpatia per gli italiani e le solite credenze pizza, pasta ecc…

Gestisci il Blog “L’estetista expat”, come è nata la voglia di raccontarti e perché un blog?

In realtà non mi racconto…il blog è nato in Olanda ma parla di bellezza e benessere. Successivamente ho notato che le persone erano anche interessate al paese in cui vivo così ho deciso di creare la categoria “Amsterdam & Olanda” dove ho raccolto le foto dei bellissimi posti che ho visitato in questi anni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La nuova dicitura nel tuo blog ci fa capire che presto toglierai le ancore per trasferirti in Germania. Sei pronta ad affrontare questo nuovo cambiamento?

No ahahah! Tutti i cambiamenti spaventano, è normale. Iniziare sempre tutto da capo non è semplice. Purtroppo il lavoro del mio compagno non ci permette una vita fissa in un posto, da un lato è emozionante ma c’è sempre il rovescio della medaglia.

In che misura ti ha cambiata l’espatrio?

Mi ha fatto apprezzare culture diverse dalla mia, e non parlo solo di olandesi ma di indiani, arabi, ….. ecc…perché Amsterdam è davvero una città aperta a tutti. Dove tutti hanno uno spazio per essere se stessi.

Ti manca l’Italia e torneresti a viverci?

L’Italia mi manca. Mi mancano alcuni sapori come la focaccia genovese, il pesto, il caffè e il sole in inverno ma sinceramente non so risponderti, magari un giorno tornerò, non si sa mai nella vita, così come non avrei immaginato di trasferirmi in Olanda.

C’è qualcosa che non ti ho chiesto e vorresti dire? 

mee

Voglio solo dire alle persone che pensano che l’estero è la terra dei balocchi che non è così. Le difficoltà ci sono ovunque ma è come si reagisce a queste che fa la differenza!

Continua a leggere

Pistoia e Il Principe Rospo

Il viaggio, come avrete intuito, è parte integrante della mia vita. Prima della mia esperienza in Germania, grazie alla quale ho deciso di iniziare questo blog, ho visitato parecchi luoghi, ognuno dei quali ha lasciato un segno indelebile nei miei ricordi, forgiando di volta in volta la mia personalità. Mi piacerebbe condividere con voi queste esperienze, accompagnandovi (almeno virtualmente) in giro per l’Italia (e non solo).

Grazie Trenitalia
Grazie Trenitalia

In passato avevo visitato diverse volte la Toscana, ma non ero mai stata nella provincia di Pistoia. Siamo partiti in treno da Catania Centrale e arrivati a destinazione dopo una lunga notte di spifferi, provenienti da un finestrino rotto. Il nostro tentativo di tappare tutto con dei pezzi di giornale si rivelò poco utile, la mattina seguente le nostre ossa cantavano “pietà”.

Dopo un breve giro perlustrativo (ho avuto modo di vivere davvero Pistoia in seguito) ci siamo diretti, come se fosse un miraggio, verso il B&B che avevamo contattato prima della partenza. Il nome evocava una favola, IL PRINCIPE ROSPO, il prezzo era abbordabile. Dopo esserci puntualmente smarriti (a piedi dalla stazione) con la valigia che ha perso le ruote a furia di saltellare su tutti i sampietrini, siamo finalmente giunti a destinazione. Dall’esterno si vedevano solo vecchi palazzi, niente che potesse avvicinarsi all’idea che avevo di quel B&B, ma quando aprimmo il portone d’ingresso l’atmosfera fu subito magica.

PicsArt_1443600125833Ci trovammo di fronte ad una ripida e stretta scalinata, ogni gradino era decorato con richiami diversi e variopinti, un piccolo sgabello in legno riposava proprio nel mezzo del cammin.

Sulla porta d’ingresso era raffigurata una fatina con una scritta sotto che diceva:

In questa misteriosa camera viveva “Non ti scordar di me”, la Fata dei fiori che poteva fare magia con l’acqua, volare veloce come il vento, parlare con gli animali e, chi la Fata dei Fioriincontrerà non si scorderà più di lei. In questa camera, durante la notte, quando tutto intorno è silenzio, i fiori danno grandi feste, invitano folletti, fate e gnomi ed insieme ballano e cantano tutta la notte accompagnati da una dolce e soave musica. Chiunque dorma in questa camera sarà ricoperto da un sottile ed invisibile pulviscolo d’oro che i fiori sprigionano durante la notte e soltanto chi crede veramente dal profondo del cuore che sia esistita la fata dei Fiori avrà poteri magici per sempre e si sorprenderà quando accadranno eventi fantastici nella sua vita.

I poteri credo di non averli ma lo stupore fortunatamente si, mi accompagna ancora ed è una grande fortuna!Bagno del Topo

La stanza evocava immediatamente una favola, un dolce topolino invece ci dava il benvenuto dalla porta del bagno, dove era intento a leggere un giornale con occhiali da vista sul naso e le zampine incrociate.

Quella notte è volata velocemente ma le sensazioni positive  di quel contesto magico invece rimarranno per sempre. La prossima volta che mi troverò a Pistoia IL PRINCIPE ROSPO sarà sicuramente tra le mie tappe, ho inoltre curiosato all’interno del loro sito e pare che le stanze oggi siano più belle di allora. Quindi, se vi troverete a passare da quelle parti, vi consiglio questo confortevole e accogliente posto dove trascorrere una magica notte…Roberta

Continua a leggere