I rumoristi in metropolitana #vepòssino

Rieccomi! Chissà in quanti avrete detto “Oh ma Il Ragionier Ugo è sparito?”. No, non sono sparita. Il fatto è che da quando vivo a Vienna sono talmente impegnata a vivere, leggere e scrivere il mio romanzo che a volte dimentico di aggiornarvi. Questa città risucchia il tempo, le giornate si rincorrono ad una velocità incredibile. Spesso si ha la sensazione di uscire da casa la mattina con un numerino sulla maglia, per partecipare a una maratona. Però adesso non mi voglio dilungare con le parole, andiamo subito al sodo.

I RUMORISTI IN METROPOLITANA!

Sarà che soffro di misofonia e sono particolarmente intollerante a certi suoni/rumori, ma davvero non

I rumoristi in metropolitana #vepòssino
Immagine presa da internet

capisco la necessità di mangiare sui mezzi pubblici. Insomma, starete sui mezzi sì e no un paio di minuti, non vi potete strafogare dopo? Ma anche se fosse mezz’ora, credo che ormai sia superata la fase in cui urlavate delirando se la mamma non vi dava subito una tetta, per ingozzarvi di latte. Qualche esempio pratico? Certo, ci sono già diversi elementi che hanno ridotto i miei nervi a un cumulo di macerie.

  • Le salutiste mangiatrici di frutta. Mi è capitato più di una volta di incrociarle. Viso quasi sempre pallido, abiti semplici per ostentare la loro armonia con il mondo, capelli indefiniti. E poi c’è lui, lo zainetto pieno di cose naturalissime da mangiare. La prima l’ho incontrata mentre mi trovavo in un ufficio in attesa del mio turno. Arriva, si guarda intorno, legge un paio di avvisi attaccati al muro, si siede senza togliersi lo zaino gigante da dietro la schiena, apre lo zainetto che aveva in mano e cosa tira fuori? Cosa? Eh eh…cosa? Una confezione di mirtilli. Inizia a mangiarli, uno ad uno, piccoli, scuri e tutti da gustare con rumori vari, lingua tra i denti se se ne incastrava un pezzetto e dito da succhiare quando uno di quei pallini maledetti perdeva del liquido appiccicoso. L’agonia è durata almeno cinque minuti perché la confezione era grande e la fenomena doveva gustarseli senza fretta. Io intanto sudavo freddo e non riuscivo a spostare la mia attenzione su una scena meno fastidiosa.
I rumoristi in metropolitana #vepòssino
Immagine presa da internet

La seconda l’ho incrociata in metropolitana. Il treno era stracolmo, sono riuscita ad entrare a stento prima che la porta mi decapitasse, ero lì in piedi schiacciata tra la maniglia e la gente, e chi mi trovo accanto? Chi? Un’altra salutista dei miei ehm ehm…che mangia una caspita di mela! Una mela, alle nove del mattino, quando ancora i miei omini del cervello non hanno fatto colazione e potrei sbranare qualcuno per un ciao detto male. Sgrunch…sgrunch…slurp…arrisgruch. A tre centimetri dal mio orecchio. Non so cosa mi abbia trattenuto dal farle ingoiare la mela per intero. Lo stomaco mi faceva su e giù come quando si sta sulle montagne russe. Un malessere fisico, credetemi.

  • Le bevitrici con risucchio e scafazzamento di bottiglia. Queste riescono ad essere persino più fastidiose delle divoratrici di frutta. Inoltre, piccola parentesi, mentre scrivevo mi sono resa conto che fino ad oggi ho incrociato solo donne con questa passione per i rumori. Gli uomini solitamente mangiano sui mezzi cose che puzzano, così nauseabonde che devi per forza fare il viaggio in apnea, se vuoi sopravvivere. Ma torniamo alle bottiglie. La dinamica è sempre la stessa. La tipa si siede, prende lo zainetto, estrae una bottiglietta di acqua, la apre, beve fino all’ultima goccia e poi inizia a succhiare, creando un vuoto all’interno della bottiglia e strizzandola con le mani come se fosse un reato lasciare un minimo avanzo sul fondo. Ma…ma…è naturale (come la vostra acqua) che a me venga l’istinto di allungare un braccio, aprire la mano, dirigerla verso la vostra fonte di benessere e colpirla, facendola accartocciare sul vostro naso! Vorrei sottolineare che la signora dei mirtilli, dopo i cinque minuti di agonia, ha fatto anche questo, e non solo. Per concludere, con l’ultimo sorso di acqua, ha dato spettacolo con gli sciacquetti per pulire i denti, mancavano solo i gargarismi. Ho poi scoperto che non era un caso isolato.
I rumoristi in metropolitana #vepòssino
Immagine presa da internet

Che dire ragazzi? Sarò abituata male io ma quando sono sui mezzi a stento respiro, proprio per non creare disturbo ai miei vicini. Anche perché, se non siete capaci di trattenere la fame e la sete per un paio di minuti, temo il giorno in cui vi scapperà la cacca sui mezzi. Che facciamo? Ci conteniamo?

 

Continue Reading

Intervista per “Amiche di Fuso”

Seguo sempre con molto piacere il blog di Amiche di Fuso, che raccoglie storie, tutte al femminile, provenienti da vari angoli del pianeta. Potete seguirle anche sulla loro pagina Facebook. Tempo fa ho avuto il piacere di essere intervistata da loro per parlare del mio libro, oggi invece l’argomento principale è l’espatrio. Buon lettura.

INTERVISTA

Se non conoscete Roberta dovete subito riparare andandola a leggere sul suo blog Se anche il ragionier Ugo espatria: Siciliana di nascita, ha vissuto a Milano, è tornata in Sicilia e poi ancora in Toscana. Il suo primo espatrio è stato la Germania e poi, dopo una piccola parentesi italiana, è ripartita verso l’Austria, Vienna per la precisione. Ironica, diretta e sempre sul pezzo, Roberta è una blogger e scrittrice con una grande passione della fotografia: ora conosciamola meglio attraverso questa intervista. 

Come è stato ripartire per un secondo espatrio dopo l’esperienza italiana?

Francamente è stato molto più semplice rispetto al primo espatrio perché non avevamo così tante incognite come la prima volta. La lingua tedesca per esempio non era più quella strana sconosciuta, non avevamo shock culturali ad attenderci anzi, il vero shock lo abbiamo vissuto quando siamo rientrati in Italia dalla Germania. Stranamente e contro ogni nostra aspettativa, tornare all’estero ci ha regalato la sensazione di un rientro a “casa”, per quanto questo termine sia ormai per noi abbastanza relativo.

Cosa ti ha spinto prima a tornare in Italia e poi a lasciarla di nuovo?

Beh, indubbiamente hanno influito tantissimo la nostalgia dell’Italia, della famiglia di origine e le difficoltà che all’inizio mettono a dura prova il sistema nervoso. Siamo stati deboli, abbiamo ceduto e ci siamo fatti sopraffare dalla voglia di essere circondati da qualcosa che conoscevamo bene, da volti familiari che parlano una lingua familiare. La realtà però aveva in serbo per noi un’inaspettata “sorpresa” perché proprio nella nostra terra, tra la nostra gente, ci siamo sentiti dei perfetti stranieri. Parlavamo la loro lingua ma non ci capivano, non capivano il nostro sgomento quando ci lamentavamo per delle cose alle quali loro sono ormai assuefatti, non capivano il nostro malessere e il nostro rifiuto di scendere a compromessi per noi inaccettabili.>>CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTERVISTA INTEGRALE.

Intervista per Amiche di Fuso

Continue Reading

I tedeschi ed il loro senso civico

Il senso civico che a noi manca.

Mentre sono ad aspettare mio marito vi descrivo un paio di lati decisamente positivi sulla Germania.

Il senso civico che hanno i tedeschi è una cosa meravigliosa! I primi giorni qui non ci potevo credere!

Hanno un grandissimo rispetto verso il prossimo e verso ciò che è pubblico! Quello che è di tutti va curato più delle cose che appartengono solo a noi.

Il senso della comunità è ancora molto vivo. Quando ci siamo trasferiti qui ho ricevuto dai vicini di casa montagne di piatti e bicchieri. Qualcuno mi ha anche offerto in regalo un armadio! 🙂

Il postino lascia i pacchi davanti alla porta se non ti trova, tanto nessuno si sognerà mai di toccarli!

Ogni tanto qualcuno suona alla mia porta e mi lascia dei regalini per la bimba. Penne,  colori e varie.

Ovviamente potete immaginare come funziona qui la raccolta differenziata…alla perfezione! Anche se poi ho riscontrato un altro problema, che ho raccontato in questo articolo>>> Clicca qui.

Non fumate lontano dalle aree adibite perché sicuramente troverete il cittadino di turno che vi rimprovererà. Evitate anche di buttare le sigarette a terra, nonostante ci siano molti tedeschi che lo fanno. Ricordate che con voi le autorità non avranno pietà.

Vi racconto questa. Sfilata di Carnevale, folla accalcata ai lati per permettere il passaggio dei carri. Uno però era più grosso degli altri e dovevo arretrare (o farmi schiacciare). Ma dove? Così metto i piedi dentro l’aiuola! Non l’avessi mai fatto! Una signora, nonostante il delirio, per poco non mi uccideva! Avevo calpestato un fiore!

Loro poi non si sono risparmiati vuoti di bottiglie in quell’aiuola ma… quando di tratta di birra tutto è concesso!

Se avessimo la metà del loro senso civico il nostro sarebbe sicuramente un Paese più vivibile, sarebbe davvero un Bel Paese insomma.

I tedeschi ed il loro senso civico
Immagine presa da internet
Continue Reading