Cercare casa in affitto in Germania. Facile?

Oggi cari amici mi sento come il tempo…nuvolosa!!! E allora voglio essere “cattiva” e sfatare un mito, un luogo comune che vedo girovagare indisturbato per la rete! Cercare casa in Germania!

Ve ne presento uno dei tanti…

…le case in affitto si trovano facilmente, con la meta’ dei soldi che spendi in Italia riesci a prendere in affitto un mega appartamento in Germania al centro di una grande citta’! Niente di piu’ falso!!!

Evitero’ di usare termini incomprensibili e cerchero’ di andare dritta al sodo!

Immagine presa da internet
Immagine presa da internet

Cosa chiede il proprietario di casa in Germania per decidere se dare a te il suo appartamento in affitto?

1) IL CONTRATTO DI LAVORO questa sembrerebbe una cosa scontata (lo e’ anche in Italia) ma in molti pensano che qui non sia necessario. Invece e’ indispensabile dimostrare di essere in grado di poter pagare l’affitto senza alcun problema. Non importa che abbiate parecchi soldi in tasca, questo non costituisce una garanzia per il proprietario.

Niente panico. Nel caso siate sprovvisti di una busta paga esiste un modulo da compilare con i dati di chi fa da garante per voi, con annesse le sue buste paga. E’ consigliabile usare come garante un tedesco, molti proprietari qui non sono propensi ad accettare garanzie provenienti dall’Italia.

2) LA SCHUFA e’ un po’ come il sistema Crif in Italia e accerta che non siate dei cattivi pagatori. Anche con questo foglio dovrete presto fare “amicizia”.

3) L’ANMELDUNG e’ la registrazione all’anagrafe tedesca del vostro domicilio. Mi viene da chiedermi…cosa presenta chi e’ appena arrivato in Germania ed e’ alla ricerca del primo alloggio? L’ideale quindi sarebbe farsi ospitare da qualcuno, spostare il domicilio, e poi cercare casa.

Alcuni proprietari scrupolosi chiedono anche una referenza da parte del vostro vecchio proprietario dove si attesta che avete sempre pagato senza creare alcun tipo di disagio o danno.

Anche avere un conto corrente bancario in Germania e’ importantissimo, si fa poco o niente con i contanti!

Detto questo passiamo ai prezzi. Nelle grandi citta’ non sarete immuni dal virus follia da prezzi alti…cifre da capogiro. Alcuni giustamente vorrebbero raggirare il problema andando a vivere in paesi limitrofi. Pensiero corretto ma…c’e’ sempre un ma…

Non sempre i paesini sono ben collegati alle grandi citta’ e quando lo sono sappiate che qui in Germania i mezzi di trasporto sono carissimi!!! Quindi, in questo caso, avere un’auto e’ importante!

Per quanto riguarda la caparra funziona un po’ come da noi, due o tre mesi.

Mi e’ stato chiesto se avere un cane a seguito sia problematico. Purtroppo in molti casi lo e’. Diversi proprietari non vogliono dare in affitto l’appartamento a chi ha un “bimbo peloso” con se’.

Vi riporto di seguito dei codici che trovate spesso negli annunci e possono aiutarvi nella comprensione

EBK (Einbauküche = cucina componibile), NK (Nebenkosten = spese aggiuntive), KT (Kaution = cauzione), ZH (Zentralheizung = riscaldamento centralizzato), KM (Kaltmiete = affitto senza spese), WM (Warmmiete = affitto incluse le spese) queste sono solo alcune delle informazioni “tecniche” che potete facilmente trovare su internet.

Se state valutando di consultare un’agenzia immobiliare considerate che la provvigione varia da due a tre volte il canone di locazione.

Spero non vi siate scoraggiati! Quest’articolo serve solo a fare capire, a chi ha intenzione di trasferirsi in Germania, che il “problema” alloggio e’ da posizionare in cima ai vostri pensieri. Questa, in linea di massima, e’ la regola. Poi ci sono casi e casi. Diciamo sono informazioni in piu’ che possono permettervi di organizzare meglio il vostro espatrio!

Aggiungo un’informazione che mi ha comunicato una ragazza che mi segue anche sulla pagina FB…ed in base alla sua esperienza mi ha scritto questo:

“E se hai 2 figli non ti affittano un 3 vani perché troppo piccola visto che ogni bimbo dovrebbe avere la sua camera indipendentemente dall’età…ci siamo passati noi ed altri conoscenti 🙁 “

Per qualsiasi dubbio o informazione aggiuntiva mi trovate, come sempre, al seguente indirizzo.

[email protected]

Roberta

Continua a leggere

I tedeschi ed il loro senso civico

Il senso civico che a noi manca.

Mentre sono ad aspettare mio marito vi descrivo un paio di lati decisamente positivi sulla Germania.

Il senso civico che hanno i tedeschi è una cosa meravigliosa! I primi giorni qui non ci potevo credere!

Hanno un grandissimo rispetto verso il prossimo e verso ciò che è pubblico! Quello che è di tutti va curato più delle cose che appartengono solo a noi.

Il senso della comunità è ancora molto vivo. Quando ci siamo trasferiti qui ho ricevuto dai vicini di casa montagne di piatti e bicchieri. Qualcuno mi ha anche offerto in regalo un armadio! 🙂

Il postino lascia i pacchi davanti alla porta se non ti trova, tanto nessuno si sognerà mai di toccarli!

Ogni tanto qualcuno suona alla mia porta e mi lascia dei regalini per la bimba. Penne,  colori e varie.

Ovviamente potete immaginare come funziona qui la raccolta differenziata…alla perfezione! Anche se poi ho riscontrato un altro problema, che ho raccontato in questo articolo>>> Clicca qui.

Non fumate lontano dalle aree adibite perché sicuramente troverete il cittadino di turno che vi rimprovererà. Evitate anche di buttare le sigarette a terra, nonostante ci siano molti tedeschi che lo fanno. Ricordate che con voi le autorità non avranno pietà.

Vi racconto questa. Sfilata di Carnevale, folla accalcata ai lati per permettere il passaggio dei carri. Uno però era più grosso degli altri e dovevo arretrare (o farmi schiacciare). Ma dove? Così metto i piedi dentro l’aiuola! Non l’avessi mai fatto! Una signora, nonostante il delirio, per poco non mi uccideva! Avevo calpestato un fiore!

Loro poi non si sono risparmiati vuoti di bottiglie in quell’aiuola ma… quando di tratta di birra tutto è concesso!

Se avessimo la metà del loro senso civico il nostro sarebbe sicuramente un Paese più vivibile, sarebbe davvero un Bel Paese insomma.

I tedeschi ed il loro senso civico
Immagine presa da internet
Continua a leggere