Vienna by night #nonhocapito

Sabato sera io e il babbo siamo andati in un pub vicino casa per bere qualcosa. Ambiente piccolo, gente di varia tipologia (tra cui nerd ed emo) con in mano sigarette, cannoni, birra e cocktail. I tavolini sono vecchi e le sedie sgarrupate, alcune in pelle (strappata) da ufficio, penso che risalgano al primo dopoguerra.

Incuriositi da un ambiente tanto variopinto ci siamo seduti, io ho preso una birra, il babbo un Gin Lemon. Molti erano in piedi, direzione schermo e console dj, aspettando l’inizio di qualcosa. Pochi minuti dopo parte quel qualcosa…ma…che cosa era? Non abbiamo ben capito.

Omino

Il dj ha “allietato” il locale con una strana musica elettronica ripetitiva e decisamente monotona, mentre nello schermo veniva proiettato una specie di fantasmino (sembrava Casper) che oscillava lentamente fissando la sala, a volte andava in primo piano il viso, a volte si vedeva per intero. Almeno un’ora così…la gente era in brodo di giuggiole, si muoveva con un robotico oscillare delle spalle e regalava applausi tra un brano (noioso) e l’altro (quasi identico al precedente) mentre Casper continuava a rimanere fisso nello schermo…quasi immobile.

Durante la visione di questo “non so cosa” un emo ha rovesciato con la sua borsetta un bicchiere che stava sul tavolo, e mi ha lavato i piedi. Quando l’ho avvisato della catastrofe che aveva combinato, mi ha fissata con lo sguardo da pesce morto una settimana prima e si è messo a sedere, guardando un punto nel vuoto, con un alone di depressione che non mi ha coinvolta solo perché ero in vena di far festa!

Tutto sommato mi sono divertita, anche se siamo tornati a casa bagnati perché pioveva e non avevamo l’ombrello. Se qualcuno di voi conoscesse per puro caso le dinamiche di queste musiche associate a immagini paranormali…che si faccia avanti con la spiegazione!!! 😉

Omino1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*